Come scegliere il Subwoofer per il Proprio Impianto

Ogni sistema audio, stereo hi-fi, home theatre, che costi poco o tanto può beneficiare di un subwoofer. Tutti sanno che un subwoofer può fornire bassi più ampi, profondi e potenti rispetto alla maggior parte dei diffusori acustici a due o tre vie.

I subwoofer hanno anche il vantaggio di essere posizionati ovunque la risposta dei bassi sia ottimale nella tua stanza, mentre i tuoi altoparlanti principali devono essere montati in una specifica posizione per la migliore risposta dei medi e degli acuti.

L’acquisto di un subwoofer non è così semplice, però. Sono disponibili modelli con speaker da 20 25 cm a salire, passivi o attivi da 50 a 1.000 watt e risposte in frequenza in alcuni casi ben al di sotto di ciò che gli umani possono sentire. Ogni sub viene fornito con le proprie specifiche delle prestazioni che spesso però non rendono l’idea di quello con cui abbiamo a che fare.

In questo articolo parlerò di come scegliere il subwoofer adatto alle tue esigenze e a quelle del tuo impianto a prescindere dalle centinaia di watt indicate nelle caratteristiche di ogni modello.

Passivo o attivo

il sub passivo ha tassativamente bisogno di un amplificatore per essere utilizzato. Si collega ad amplificatore e alle casse, ad esempio quelle da scaffale a due vie. Il sub woofer preamplificato è ottimo per i sistemi hometheatre, audio multiroom,  per gli altoparlanti per pc, si collega al resto dell’ impianto via cavo o in modalità wireless se esiste questa opzione. Quest’ultima è la soluzione ideale se volete enfatizzare i bassi di una soundbar.

Caratteristiche di un subwoofer

Molti subwoofer (tranne quelli che si utilizzano per un impianto hi-fi) includono un amplificatore integrato con un crossover integrato. Se hai un ricevitore AV, un processore surround o un preamplificatore stereo con un crossover integrato, probabilmente non utilizzerai quello nel subwoofer. Stessa cosa se hai un impianto stereo, probabilmente non ne avrai bisogno.

Quasi tutti i crossover dei subwoofer offrono una regolazione della frequenza di taglio sufficientemente ampio da poter essere accoppiato abbastanza facilmente con quasi tutti gli altoparlanti principali.

subwoofer-scegliere

Praticamente tutti i subwoofer hanno un ingresso a livello di linea con un jack RCA. Questo è tutto ciò di cui hai bisogno se stai utilizzando un ricevitore AV, un processore surround o un preamplificatore stereo con sub crossover integrato.

Se stai usando il sub con un sistema stereo che non ha alcun tipo di uscita dedicata per il sub cerca un modello con ingressi a livello di altoparlante. Utilizzando questi ingressi, è possibile collegare il subwoofer utilizzando cavi per altoparlanti aggiuntivi collegati dall’amplificatore o dagli altoparlanti principali.

I tuoi speaker principali continueranno a ricevere segnali di bassi profondi; tuttavia, se si imposta il punto di crossover del subwoofer su o leggermente al di sopra della risposta dei bassi nominale degli altoparlanti (di solito da 50 a 80 Hz per gli altoparlanti da scaffale, da 20 a 40 Hz per gli altoparlanti a torre), il sub e gli altoparlanti dovrebbero fondersi abbastanza bene.

Tutti i modelli hanno un volume, quelli amplificati mentre alcuni più costosi includono una funzione di equalizzazione automatica che utilizza un microfono incorporato (o il microfono dello smartphone a cui si connettono via bluetooth) per regolare la risposta del subwoofer in base all’acustica della stanza. Se hai già un ricevitore o un processore surround che utilizza app di equalizzazione automatica come Audyssey, probabilmente non ne hai bisogno.

I subwoofer economici hanno sistemi di equalizzazione automatica che si regolano solo a quattro frequenze e di solito su un intervallo di pochi decibel; possono migliorare in qualche modo il suono del sub. Altri hanno una manopolina nella parte posteriore per la regolazione della frequenza.

Molti subwoofer ora possiedono un telecomando; personalmente adoro questa funzione perché ti consente di modificare il livello secondario per adattarlo al film o alla musica che stai ascoltando. Alcuni includono modalità musica e film o anche modalità EQ destinate a migliorare il suono con determinati tipi di musica. Si tratta di preset automatici equalizzati per alcuni tipi di musica che si è soliti ascoltare.

I migliori subwoofer secondo noi

Canton 03675 AS 84.2 SC Subwoofer attivo bianco

Prezzo: ---

0 Nuovo e usato disponibile da

Yamaha NS-SW050 Subwoofer, 100 W, Nero

Prezzo: 148,99 €

20 Nuovo e usato disponibile da 148,99 €

ELAC DEBUT S10.2 Subwoofer Nero Decor

Prezzo: 216,00 €

5 Nuovo e usato disponibile da 189,00 €

Bose Bass Module 700, Wireless, Bianco

Prezzo: 609,98 €

1 Nuovo e usato disponibile da 609,98 €

Subwoofer wireless o cablato

Molti sub offrono funzionalità wireless, solitamente sotto forma di un ricevitore integrato e un trasmettitore opzionale che si collega al sistema hifi. Tutti quelli disponibili sono affidabili e non perdono qualità del suono nella trasmissione. Attenzione però a non posizionare troppo distanze il subwoofer dal sistema, potrebbe esserci una latenza o ritardo nella trasmissione che potrebbe dare fastidio. Ad ogni modo un impianto wireless suonerà bene nonostante la latenza.

Un subwoofer wireless può essere sfruttato anche per diversi impianti presenti in casa, anche per semplici speaker portatili o per un sistema audio multiroom.

Dimensione e potenza

Si noti che non ho detto nulla sulla dimensione o il tipo di amplificatore, o sulla dimensione o sulla costruzione del driver? Questo perché non puoi generalizzare molto da quelle specifiche. Ci sono subwoofer da 350 watt che possono distruggere quasi una parete per la loro potenza e modelli da 1000 watt che suonano fiacchi.

Lo stesso vale per le dimensioni del driver. Un modello da 20 cm probabilmente non batterà mai uno da 40 cm . Tuttavia, trovo che i subwoofer con driver più piccoli siano spesso (ma non sempre) più facili da fondere con altoparlanti da scaffale e altoparlanti a torre piccola. Ad ogni modo si tratta di fisica, un grande magnete, e quindi un woofer ampio, in potenza batterà sempre uno piu’ piccolo. Sulla qualità del suono possiamo discutere all’ infinito, ma per chi vuole bassi potenti per esplosioni o musica rock o da discoteca avrà bisogno di un sub abbastanza grande.

Meglio uno o piú subwoofer

meglio acquistare una subwoofer grande o due sub di medie dimensioni o quattro più piccoli da disporre in vari punti della stanza? La risposta definitiva dipende da te. Se sei solo tu ad ascoltare o davvero non ti interessa molto del suono che tutti gli altri stanno provando, una buona opzione è quella di comprare un grande subwoofer da 30, 15 o anche da 18 pollici e utilizzare una sorta di EQ automatico (integrato nel ricevitore, processore surround o subwoofer o fornito da un dispositivo esterno) per uniformare la risposta nella posizione di ascolto.

Se vuoi un buon suono in tutta la stanza, prendi due subwoofer un po ‘più piccoli e posizionane uno in ogni angolo anteriore della stanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *